AI MEMBRI DEL CENACOLO!

 

Presentazione e motivazioni del contenuto dei presenti file passati e nuovi.

 

II collezione di file per la impostazione nuova da acquisire personalmente e vivere costantemente presenti al Cenacolo rivolti al Monteverde della Madonna delle Grazie, che attende la nostra presenza reale e spirituale dinanzi a Gesù di Misericordia a noi presentato, attimo dietro attimo, dalla Beata Vergine Maria, sua e nostra dolcissima Madre, che appare continuamente alla nostra presenza, nella dimensione spirituale suggerita nei file precedenti a voi presentati, allo scopo di poter realizzare ciò che non si è potuto realizzare nel tempo precedente a questo, per svariati motivo, più o meno giustificati.

E noi, oggi possiamo realizzare con la nostra personale presenza, ciò che era ed è il desiderio della Madonna delle Grazie, Maria SS. di Monteverde. E, tenendo conto di quanto viene oggi a noi presentato dal nobilissimo e sommo Trono di Maria e di Gesù misericordioso, noi possiamo accogliere ciò che ci viene suggerito.

 

Prelievo primo per capire ciò che sto dicendo.

Attingiamo da Fonte sicura, per chi crede ancora alla possibilità che Cristo e Maria siano veramente esistiti, così come ha creduto la cristianità fedele di tutti i tempi!

 

::::::::

Da Conchiglia.

“La società vostra sta per subire il più grande disastro economico che si sia conosciuto fino ad oggi. 

L'Era del computer ha dominato su tutto e su tutti ma... male viene usato questo dono dato all'umanità! Esso avrebbe potuto... tramite la vostra buona volontà entrare in ogni luogo del mondo con un'informazione capillare sia sui fatti importanti riguardanti le comunicazioni sia per informare il mondo sui dati riguardanti le Sacre Scritture...  sia per parlare a voi tutti attraverso i Nostri profeti scelti nel mondo. …

La Santissima Trinità è impegnata in una continua opera di Misericordia verso tutti...  poiché attraverso le richieste amorevoli della Santa e Immacolata Vergine Maria...  stiamo ancora pazientando con voi tutti ma ancora per poco... poiché tutto ormai è pronto per il grande salto epocale che la storia futura ricorderà... come L' ERA DELLA PASSIONE UMANA! 



Conchiglia...  dì a tutti che le offerte a Dio Padre di ogni vostro dolore avrà una fecondità immensa ...  

… In chi legge questi scritti... troviamo figli buoni e altruisti che si offrono volontariamente al PadreAlcuni di loro chiedono perfino di soffrire nel corpo e nello spirito per essere più vicini alla Passione di Gesù. Alcuni di loro mettono a disposizione degli altri ogni loro bene ... 

Le novità di oggi sono le privazioni contemporanee in un mondo gaudente e peccatore fatto di uomini e donne che hanno perduto il senso del sacro gettando alle spalle la cultura più vera... più santa e più saggia che l'uomo abbia mai avuto da questi ultimi duemila anni. 

 

IL CRISTO GESÙ... DIO TRA DI VOI... È VIVO... È VIVO... È VIVO! 

La santità vostra è il dono più grande … 

… L'umiltà è un esempio eclatante dato da Maria che piccola creatura della Terra è divenuta creatura prediletta e Regina dell'Universo e dei Santi e degli Angeli tutti. 

Conchiglia...  non c'è molto tempo per imitare per bene Maria... Ma se iniziate ora... prenderemo per buone tutte le vostre intenzioni come se fossero già compiute. 

La Santissima Trinità benedice tutti nel Nome del Padre, della Madre, del Figlio e  dello Spirito Santo. Amén”.

:::::

La stella di Monteverde non abbandona i suoi figlie ci comunica amorevolmente quanto segue.

«Volgete lo sguardo ad oriente e troverete la stella del cielo, solenne. E’ la stella di Dio che non abbandona i suoi figli, ma, proprio nei tempi più difficili, manda ad essi i luogotenenti, i capitani, i generali, i condottieri adatti per portarli a salvamento.

Chi è oggi Mosè? Chi è oggi Giosuè? Chi è oggi Elia? Chi è oggi Eliseo e gli altri? Sono gli uomini senza niente, che vanno girovagando da un posto all’altro per tributare in onore di Dio la pace, la carità nel mondo delle sue creature, nel mondo santo delle anime di Dio. Maria SS. di Monteverde comparirà e si svolgerà un programma nuovo, una vitalità santa, una nuova credenza ...» (Vox, Maria SS. del Monteverde, 040705 PAR7).

:::::

... Io sono qui! Sono Dio! Io sono il Figlio del Padre mio e nostro Dio... e vi sto chiamando per il Grande Raduno. Il Grande Raduno va fatto idealmente. È il vostro cuore che deve correre da Me e non le vostre gambe.Non è difficile essere membri della Comunità della Divina Misericordia, Sono il vostro Gesù, il Gesù di sempre, il Gesù che vi ha parlato per tanto tempo e in tante occasioni e vi ho lasciato l’audio della Voce mia per ascoltarmi sempre, Riunitevi tutti attorno a me, pregate con me il Padre. Il mondo va ora a catafascio. Io sono qui, sono con voi, attendo voi, attendo che voi riprendiate la comunione con me. Sono Gesù! Sì. Sono Gesù di sempre, vi amo a più non posso. Non vi chiedo di riunirvi in un posto fisso, ma presentatevi tutti i giorni dinanzi a me. Lì da dove siete, lì dove abitate, correte verso di me, comunicatevelo fra voi, fatevi nuovamente riconoscere tra di voi. Non ci sia più assenza al mio incontro, che avverrà in maniera diversa. Non vi chiedo uno spostamento, ma vi dico semplicemente che io vi vedo, vi incontro, ma voi è come se non mi vedeste più. Correte, correte, venite a me! Non perdete più tempo. Avvisate tutti, quante più persone è possibile. Io sono tornato in mezzo agli uomini. Gli strumenti dei vostri scienziati sono molto utili e mi permettono di vedervi attorno a me, dal vostro posto, dal vostro paese, dalla vostra città.Io sono sceso sulla terra. Voi non mi vedete, ma io vi vedo. Amiamoci, amiamoci pazzamente, perché il Padre ci possa accogliere in paradiso e ci possa riunire nell’amore suo, mio e vostro per tutta l’eternità. Io sono Gesù, sono Gesù, quel Gesù che voi tante volte avete ascoltato. Non dimenticatelo, sono qui con voi, in mezzo a voi. Non c’è bisogno di correre a destra e a manca. Io sono Dio, IO DIO, IO il vostro GesùLa terra è sconvolta, non aspettate più. Credetemi! Io vi amo, vi amo, vi amo. Non so stare più senza di voi.Gli strumenti che il mondo vi mette a disposizione sono molto utili per sentirvi tutti attorno a me.Non ci sono orari per essere in comunione con me ed io con voi. Sono sceso nuovamente sulla terra. Essa è una piccola pallina quasi rotonda, ma ormai rovinata, non si regge più,  Che fate? Chi aspettate? Cosa aspettate? Io sono qui con voi, notte e giorno .

 

************

Dopo aver letto nei file precedenti tutto questo discorso di Gesù, non possiamo stare ancora qui ad attendere che gli altri siano pronti e disponibile a partecipare. Ognuno si renda disponibile fisicamente e soprattutto spiritualmente …

AVEVAMO GIA’ DETTO QUESTE COSE PRECEDENTEMENTE. NON E’ IL CASO DI RIPETERE …

Sì, Io, Gesù di Misericordia, sono qui, con voi, presso di voi, in mezzo a voi … Io vi vedo! Ma voi provateci a vedermi e sarete già felici su questa terra!

 

DOBBIAMO CONSACRARCI ED AFFIDARCI A GESU’ E MARIA!

COMUNIONE CON DIO ATTRAVERSO CRISTO E LA VERGINE MARIA.

EUCARESTIA. NOME DI GESU’. SACRAMENTALI. LE CONSACRAZIONI.

 

Abbiate la bontà di leggere e apprendere queste brevi parole.

Non vi sembri inutile il lavoro che sta facendo.

 

L'Eucaristia.

 

E' necessario, oggi più che mai, avvicinarsi al Cristo vivo e vero, alla Verità intera, al Cristo eucaristico. E' nell'Eucaristia che noi troviamo la soluzione dei nostri vari problemi di sofferenza e di vessazioni.

«L'Eucaristia sia il centro vitale di ogni manifestazione». Essa sia «conservata per mezzo dell'offerta» di se stessi. Questa è la parte ideale da raggiungere: la vera COMUNIONE CON DIO, attraverso Cristo e la Vergine Maria. Tutte le forme di incontro e di preghiera conducano all'essenza della vita umana sulla terra.

«La presenza eucaristica nella nostra vita è l'àncora di salvezza che porta ciascuno di noi al cielo. Nessuno può raggiungere il Padre, se non ha avuto la possibilità e la particolare grazia di ricevere il corpo e il sangue di Cristo. Per questo chiedo l'offerta. Offritevi, perché io cresca negli uomini. Offritevi perché io possa essere accettato, degustato, chiamato, accolto da ognuno degli uomini della terra.

Perché questo accada, bisogna che voi condividiate con e lo stesso sacrificio, che io compio ogni giorno sull'altare, l'offerta mia al Padre. E' questo che io chiedo».

 

«Sarebbe molto bene che voi prendeste puntualmente l'amorosissima cura di venire ad adorarmi e a visitarmi, lungo il tempo della vostra giornata, quando si via a voi possibile, perché, dall'adorazione del mio Corpo e del mio Sangue, potranno scaturire a voi tutte quelle necessarie conoscenze, dovute alla vostra personale, precisa occupazione»

 

«E' infatti dall'adorazione dell'Ostia consacrata che si possono costituire gli emblemi principali più significativi della svolta, che io chiedo ala mia santa Chiesa.

E la svolta è questa: un rinnovamento puntuale, attraverso cui ognuno di voi sia consapevole della partecipazione sacrosanta a quel corpo mistico, dalle quali ognuno di voi riceve il santo alimento, e tale partecipazione dovrà essere perciò condotta attraverso un'offerta continua che, dal vostro cuore, dovrà passare al mio, attraverso proprio l'adorazione la mistica accoglienza in voi della sacra bevanda.

E' in questa offerta, perciò, che i vi chiamo, perché ognuno di voi, offrendosi a me, possa costituire con me un tutt'uno, essere insieme a me Ostia speciale per tutti gli altri uomini».

 

 

Il Nome di Gesù.

 

La devozione al Nome di Gesù fa sì che le presenze angeliche del nostro spazio spirituale richiamino il Signore a intervenire in nostro favore per la nostra vera conversione e santificazione.

Cristo è la Luce. Dov'è la luce non ci sono tenebre.

Non scacciare le tenebre, ma invocare la Luce.

Questo è il principio che deve animare la nostra vita e l'accostamento ai nuovi membri, alle persone che si accostano al Cenacolo.

 

Diciamo all'inizio della preghiera di Leone XIII:

 

  1. a) «In nome di Gesù Cristo, con l'intercessione di Maria, di S. Michele Arcangelo, dei Santi, noi intraprendiamo la battaglia a respingere gli attacchi e le imboscate del demonio».

 

  1. b) «Tremi e fuggi all'invocazione fatta da noi del santo e terribile Nome di Gesù, che fa tremare l'inferno, cui le virtù dei cieli, le Potenze e le Dominazioni sono sottomese».

 

L'abitudine a nominare la parola «Gesù», ci avvia alla vera liberazione.

 

 

I Sacramentali.

 

L'uso dei sacramentali ci permette di individuare le varie manifestazioni spirituali per provvedere all'occorrenza, per imparare a distinguere le manifestazioni di una malattia fisica, psichica, o spirituale.

La vera liberazione viene operata da Gesù.

 

«La liberazione è sempre un fatto straordinario, dovuto all'intervento celeste, all'intervento di Dio con le sue forze angeliche che agiscono sull'uomo.

 

La potenza dello Spirito Santo caccia via le negatività e le violenze che si sono annidate nel corpo dell'uomo. In tal senso necessita, come già si vede, l'azione liberante da parte della Chiesa con l'aiuto di una comunità orante».

 

Ai nuovi arrivati questo bisogna dire: si deve creare una piccola comunità orante, non necessariamente perfetta e santa, ma orante, perché sia di vero aiuto per il raggiungimento della Comunione con Dio.

«L'uso quotidiano della preghiera è estremamente utile, indispensabile, anzi la comunione con il corpo e il Sangue del Signore Iddio, discendendo nel fisico di tale persone permette che una introduzione del demonio sia quanto meno rallentata o comunque impedita.

 

L'ulteriore uso di sale esorcizzato, di acqua benedetta e di olio è estremamente importante in tutti coloro che hanno subito tali violenze di satana o di Lucifero, in quanto il loro corpo che è stato oggetto di tale violenze spesso rimane come sconvolto da interiori presenze che non sono più demoni o entità vere e proprie, ma come microscopiche papille che elettrizzate negativamente ed elettrizzanti determinano ...

 

L'uso dell'olio e dell'acqua e del sale ... serve ad attutire tali increspature a poco a poco ad eliminarle.

 

Tale uso deve essere sempre concretamente disposto dal sacerdote esorcista che accettando simili cose professa insieme a chi è sofferente uno stato costante di fede nell'intervento di Dio e della sua santissima Chiesa.

 

E' consigliabile che la persona operata nella liberazione sia protetta da uno stuolo di angeliche ... come la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, o alla santissima Eucaristia oppure anche a S. Michele o a S. Gabriele, o anche a S. Raffaele, o alla terna degli Arcangeli.

 

Questa consacrazione illibata sia conservata nel profondo del cuore da chi, professando tale fede, abbia ad essersi sottoposto ad azione santificante della Chiesa.

Un tale presidio fa sì che l'anima rimanga quanto meno distaccata da tali violenze concretamente esistenti nel mondo.

 

 

Le Consacrazioni

 

Le Consacrazioni al Cuore Immacolato di Maria, al Cuore di Gesù, a S. Michele, all'Angelo Custode, ecc. sono espressioni necessarie per raggiungere la Comunione con Dio, con gli Angeli e i Santi. Con le consacrazioni si affida a Maria, a Gesù, a S. Michele, ecc. il compito di guidarci e di condurci a Dio e così alla piena liberazione da completarsi alla fine della vita terrena.

Con queste attuali conoscenze, noi intraprendiamo la battaglia. la vittoria finale è affidata, oltre alla nostra umana volontà, alla Volontà del Padre, tramite Maria, Gesù, e la collaborazione degli angeli e dei Santi.

Per questo dobbiamo consacrarci ed affidarci a loro.

L'Eucaristia è offerta di Cristo al Padre. In unione a questa offerta la nostra sarà accetta e gradita al Padre con grandi benefici per la vita presente e per la vita futura.

 

Non attribuite ad alcuno la sofferenza o il dolore che si propaga sempre nel vostro essere, ma considerate che tutto questo è permesso da Dio, perché si compia la sua volontà qui sulla terra.

 

«Soltanto il dono totale di se stessi a Dio consente la liberazione da qualsiasi ambiguità, da qualsiasi altro intrufolamento di oggetti, di idoli, di fantocci e di qualsiasi altro tipo di questo genere, che, idolatrato, viene a porsi al posto del Padre».

 

La devozione al Sangue di Gesù.

A Gesù di Misericordia.