LA CONSACRAZIONE

AL CUORE MISERICORDIOSO DI GESU’.

LA PREGHIERA DI CONSACRAZIONE.

 

 

270490ag

 

pas270490 - venerdì - Consacrazione

 

Io, Gesù di Misericordia, a te vengo, o diletta figlia, e ti benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

 

La pace sia con te ora e sempre.

Io, Gesù, giungo a te, o figlia, per benedirti e ringraziarti per ciò che tu fai per Me.

Ieri sera, o figlia, Mi hai donato il tuo corpo e tutta te stessa, perché Io vi trovassi un rifugio adatto al Mio dire.

Grazie, o figlia benedetta. E ti ringrazio ancora per ciò che farai oggi con i fratelli del Cenacolo del Venerdì.

 

 

Oggi tu sei così, piuttosto come assonnata, a causa di ieri sera, perché sei andata un po’ in trance, solo un poco. Le forze perciò ti hanno in gran parte abbandonata ed oggi ne risenti ancora di questo stato di prostrazione.

Non temere, perché tutto questo durerà ancora per poco. Un buon sonno, appena possibile, ti ristorerà.

 

Oggi digiuna, se puoi, fino alle 8 di stasera. Poi potrai mangiare.

Desidero che al più presto tu riprenda il digiuno integrale, perché necessita che tu ti affretti a camminare.

Ti aspettano giorni difficili per la tua vita spirituale, in cui dovrai combattere le tentazioni, il male che sovrasta tutti. A te si presenterà sotto forma umana del divertimento lecito, ma tu non desistere. Qualsiasi cosa chiedila a Me.

 

Circa la consacrazione al Mio Cuore Misericordioso, ecco quanto desidero.

Che vi consacriate tutti insieme, durante la preghiera che ora ti dettero, che stiate in ginocchio, tenendovi per mano. I piccoli stiano al centro del cerchio, intorno al santo e divino Sacerdote PA.

 

La preghiera sia questa:

 

O Gesù Misericordioso, il cui nobile Cuore contiene tutti i tesori della terra e del mondo intero, racchiudi in Te ognuno di noi, che a Te, o nostro Gesù, CI CONSACRIAMO.

Sii per noi il nostro Re, il nostro compagno, il nostro fedele Amico.

L’anima tua ci santifichi, o dolcissimo Signore.

Il Tuo Divino Spirito ci ispiri sempre il bene e verso il bene.

La tua luce ci illumini, la tua preghiera, o Gesù, ci assista ora e sempre.

 

Imprimi, o amorevolissimo Iddio, qui sulle nostre menti, qui sulle nostre labbra e qui sui nostri cuori il Tuo Santo Sigillo della Croce, eletta da Dio Padre a nostra umana salvezza. Amen.

Ora e sempre, o caro Gesù, noi Ti apparterremo, saremo araldi indefettibili del Tuo Amore, della Tua Bontà e della Tua eterna Misericordia.

Trasformaci, o Divino Gesù ed impera nei nostri cuori, ora e sempre. Amen”.

 

Dopo aver pronunciata questa preghiera, il Sacerdote vi benedica con l’Ostensorio, in cui è stata collocata una Divina Particola del Mio Corpo Santo. Vi comunichi poi con la stessa, dopo averla spezzata e vi dia la pace.

 

La sua preghiera conclusiva sia la seguente:

O Dio Padre, che nel Figlio Tuo Unigenito, Sommo e Tuo Unico Bene, hai assommato ogni Divina Grazia, concedi a questi tuoi figli, per i meriti del Tuo Gesù Santissimo, la totale redenzione e salvezza. Tu che vivi e regni nei secoli eterni. Amen”.

 

Si sciolga poi il cerchio ed amen, amen, amen in Dio Padre, in Dio Figlio e in Dio Spirito Santo.

 

Ora sappi che tale consacrazione vi renderà particolarmente sacri al Mio Cuore Misericordiosissimo, al quale rimarrete legati indissolubilmente e vi preserverà da ogni male.

Amen, amen, amen. E così sia. Amen.

 

Ora sappi, o dilettissima Mia figlia, che oggi ancora una volta Io verrò in te durante il Cenacolo delle ore 9 e avverrà durante la locuzione della prima parte.

Tu proverai ancora uno stato di spossatezza e parlerai come ieri con flebile voce.

 

Seguiranno i SS. Rosari e le preghiere.

Durante la seconda locuzione si ripeterà il fenomeno e poi basta.

Amen, amen, amen.

 

Io stesso guiderò il S. Cenacolo con ordine ed Amore.

Siate tutti in Me. Amen.

(I rev. 24/3/1998).