36. – Unione con Gesù.

 

Lunedì, 23 ottobre 1989.

 

Sì, o figlia mia, sono il tuo Gesù che ascolta e si compiace di ciò che a lui tu dici nel tuo cuore di donna. La tua bontà, o figlia, va migliorando, come pure il tuo silenzio e la tua disponibilità a ricevere nel tuo cuore i tuoi fratelli.

O benedetta, tu sei la mia speranza e la mia gioia, il mio conforto e la mia fiducia.

O fiore del mio campo, o fiore preferito, o anima ostia a me sì cara, perché non parli al tuo Gesù più spesso di quanto fai?

Perché non gli dici tutti i tuoi pensieri.

Tu devi essere unita a me, minuto per minuto. Chiedimelo ed io te lo concederò. Non scappare mai fuori dal mio Cuore, o mia prediletta, o mia soave.

I tumulti del mondo non ti tocchino, né ti insuperbisca il tuo cuore che è mio.

La tua docilità mi è preziosa, o figlia, perché è ad essa che chiederò sempre ciò che occorre al tuo Gesù.

Non temere mai nulla su di te, …

Non chiedermi nulla, a suo tempo saprai.

E’ misera cosa la vita umana, è bello viverla solo per Gesù e nella SS. Trinità.

… Nel frattempo non temere ...

 

38. – Maria chiede aiuto … per la conversione.

 

(Lunedì, 23 ottobre 1989)

 

La pace sia con te, o figlia mia.

Il mio Gesù a te mi invia perché io sia a te di annuncio di ciò che è nella sua volontà.

Cospargi il tuo capo di cenere, il tuo cuore di pietà e di Misericordia per i fratelli, i tuoi fratelli, che ancora vivono nel peccato, irremovibili come macigni e più testardi delle vostre pietre.

L’adempimento della volontà di Dio è che vi convertiate e perciò necessita molta molta preghiera, digiuno e penitenza.

Io so, o figlia, la tua buona volontà, il tuo buon cuore e la tua disponibilità. Perciò a te io mi rivolgo, perché tu mi aiuti a compiere la volontà del Padre.

Come il mio figlio prediletto, Oreste, anche tu lo sei e anche a te io, la Vergine delle vergini, a te vengo implorante affinché tu possa collaborare in questo disegno divino.

Il Padre è molto seccato per i peccati degli uomini, ma soprattutto per la loro resistenza alla divina parola, che è parola di vita eterna. Ha inviato me che sono la Madre vostra, perché voi vi convertiate.

Ascolta, o figlia mia prediletta, e non indugiare.

Sia il tuo cuore aperto ad ognuna delle parole che da ora innanzi io, la Madre di Gesù, ti detterò e scrivile.

Sii pronta ad accoglierle nel tuo nobile cuore e a diffonderle in vece mia.

Sei pronta?

Ascolta e scrivi: Non andare predicando subdole parole a coloro che non ti ascolteranno, perché questo a nulla servirebbe. (Subdole perché non ascoltando a nulla servirebbero, se non ad irretire subdolamente soltanto le loro menti e le loro orecchie).

Parla soltanto a chi ti dichiarerà di volere ascoltare; a chi è (ag303) disposto e si dichiara disponibile. Gli altri, lasciali.

Sii propensa ad ascoltare le loro parole, ma solo quel tanto che a te parlino di Dio. Altro non intendere. Non comunicare e non presenziare là dove non è accolto il Figlio mio Gesù, perché là non troverai Lui, ma Satana che ti aspetta dappertutto per ingoiarti.

A te è stato inviato dal cielo l’Arcangelo Michele per mio materno volere, perché niente e nessuno possa arrecarti danno.

L’intervento di Michele è rivolto a salvaguardarti da ogni male.

Tu puoi interrogarlo, per conoscere necessità tue fisiche o spirituali o di chi con sincerità e lealtà questo ti chiede. E nient’altro.

Le domande che rivolgerai a Michele siano da te vagliate, per questo invocherai il nome della SS. Trinità e Michele risponderà. Se no, egli si asterrà.

Tu non accogliere nessuna domanda che non sia con sicurezza a te rivolta solo e soltanto per conoscenza di salute.

Le altre non accettarle.

In ogni domanda può nascondersi il maligno che si cela in ciascuno di voi e di te si serve per ostacolare i paini di Dio.

Perciò sii attenta e cauta. Rivolgiti a me con l’Ave Maria. Io ti soccorrerò. Ti dirò se puoi o no.

Non affliggerti per ciò che è accaduto, perché doveva avvenire. Era nei piani di Dio. Tu non avresti potuto evitarlo.

Sappiano così, i tuoi nemici, che tu sei una sua protetta e mille volte più di prima.

Non accogliere alcuna proposta o invito, perché potrebbe esseri dannoso l’incontro con alcuni fratelli, in quanto non sai in chi di loro si annidi Satana.

Ogni tuo movimento sia da noi controllato. Devi chiedere il permesso a Gesù, poiché a Lui tu appartieni.

L’altro ieri tu ti eri quasi mezzo rovinata con l’incontro di alcuni tuoi fratelli, nei quali c’è il covo del dragone e tu non sapevi. Sei uscita da lì mezzo morta e solo la mia potente intercessione ti ha potuto salvare. Ti ho inviato l’Arcangelo Michele che resterà presso di te, finché a Dio ciò aggrada.

Ma tu, o creatura divina, non temere, perché non sarai mai più lasciata sola. Sarò io stessa o Gesù ad accompagnarti lungo il cammino (ag304) della tua vita terrena.

L’angioletto ora è tornato al trono di Dio, da dove al sicuro continuerà a proteggerti; accanto a te c’è sempre l’angelo custode e con lui Michele.

Sia per te nobile guida e messaggero di verità. Interrogalo ed egli ti risponderà. Non dire ad alcuno di Michele, ma solo dell’angelo. …

Sia accanto a te la pace di Dio.

 

……………

 

39. - Preghiera di voto a Maria.

 

Preghiera personale a Maria.

«O Madre di Dio e Madre mia, io, Francesco, mi voto a voi, o Madre eletta, perché custodiate in voi il mio cuore e l’anima mia.

Voglia il cielo proteggermi e santificarmi nel vostro SS. Nome.

Siate benedetta, o Madre, Madre del divin Figlio e Sposa dello Spirito Santo, sopra tutte le creature, la più bella e la più perfetta.

O regina Madre, fate che più alcuno non mi sovrasti, né nemico mortale, né immortale e sopra tutti e tutto in me domini solo il vostro Gesù.

O Eletta, o Pia, o grande vergine Maria.

Amen».