LE RIVELAZIONI PRIVATE NON HANNO VITA FACILE OGGI.

                                                

 

Che in questo clima di diffuso agnosticismo e di ateismo, l’opera di divulgazione al grande pubblico delle rivelazioni private, che per definizione sono di origine divina, non ha certo vita facile.

Ma anche fra i pochi veri cattolici osservanti è ormai molto diffuso lo scetticismo verso tutti quei fenomeni soprannaturali, come le apparizioni della Madonna e di Gesù, i messaggi celesti, i carismi straordinari dei santi (guarigione, discernimento degli spiriti, bilocazione, stigmate, ecc.), le lacrimazioni di immagini sacre ed altri eventi miracolosi che per secoli hanno contribuito ad alimentare la devozione popolare in seno alla Chiesa. Ma per queste persone sono ancor più inaccettabili i contenuti di quei messaggi consegnati ai mistici e ai veggenti, che parlano di purificazioni e castighi divini, di guerre e catastrofi permesse da Dio.

I credenti di oggi rifiutano l’idea stessa di un Dio che giudica e punisce i suoi figli. Preferiscono vedere Dio come vorrebbero che fosse: un padre permissivo e condiscendente, sull'esempio di taluni modelli educativi tanto in voga in questi anni, un padre disponibile a perdonare tutto, indefinitamente, anche quando da parte dei suoi figli non c'è un vero pentimento e il fermo proposito di ravvedersi. A queste persone sfuggono quelle verità che la Bibbia ci ha rivelato, sulle quali proprio i messaggi della Madonna hanno contribuito a riportare l'attenzione di credenti e non. Maria, nei suoi messaggi, ci dice che Dio ama i Sui figli e vuole solo il loro bene. Ma quando questi si allontanano da Lui peccando e rifiutando la riconciliazione col Signore e col loro prossimo, Egli se necessario è capace di infliggere loro i Suoi castighi. Attraverso questi castighi, talvolta anche terribili (si veda l'Antico Testamento), Egli vuole ricondurre l’umanità sulla giusta strada, con il fine ultimo di salvare le anime dei suoi figli, e tutto ciò proprio in virtù del Suo infinito amore.

 

Ma la nostra generazione si ostina a non accettare queste verità che le Scritture insegnano e che gli antichi conoscevano e rispettavano. Purtroppo il vedere in Dio non solo un Padre Misericordioso ma anche un Giudice Giusto, che quando serve sa essere anche severo, viene oggi bollato come "oscurantismo religioso", una visione che a detta di alcuni non sarebbe altro che il retaggio di un passato in cui la religione era puro strumento di controllo e manipolazione da parte della Chiesa che si serviva di questi espedienti per esercitare più efficacemente, attraverso la paura, il suo potere, facendo leva sulla semplicità e sull’ignoranza della gente (e si badi che qui non siamo davanti alle farneticazioni di uno sparuto gruppo di anticlericali, purtroppo oggi questo tipo di giudizi sulla Chiesa sono molto più diffusi di quanto si pensi).

 

Voglia il Signore che la nostra generazione non abbia un giorno a ricredersi delle sue false certezze nella maniera più amara e drammatica: proprio attraverso i Suoi castighi. Le rivelazioni private più recenti ci ammoniscono appunto di questo pericolo.

Va detto che sono tantissimi, un po' in tutto il mondo, i profeti che nel corso dei secoli hanno preannunciato un tempo futuro, non meglio precisato, segnato da drammatici avvenimenti che riguarderanno tutta l’umanità. Si tratterà di eventi epocali di una importanza e gravità senza precedenti nella storia umana. Molti profeti indicano questo periodo con espressioni quali "fine dei tempi" o "ultimi tempi" e qualificano questi eventi come "tribolazioni", "purificazioni" e "castighi divini".

Troviamo questo tipo di profezie praticamente in tutte le culture, in ogni parte del mondo; esse, per altro, sono parte integrante delle tradizioni di diverse religioni.

Se l’umanità non si dimostrerà capace di cambiare, ritornando ad una Fede autentica e al rispetto della Legge di Dio, dovrà patire una serie di terribili purificazioni fino al "Grande Castigo" che, stando sempre alle profezie, potrebbe annientare gran parte del genere umano. Ma qui si tratta probabilmente di una profezia condizionata, il fatto che si compia o meno dipenderà solo da noi. In ogni caso, gran parte dei possibili flagelli che potrebbero colpire il mondo non saranno mandati direttamente da Dio: Lui li permetterà ma saranno gli uomini stessi ad autoinfliggerseli perseverando ostinatamente nei loro tragici errori, frutto di una ragione viziata che non ha più il Creatore come faro e fine ultimo.

Dobbiamo pregare e impegnarci affinché la gente si ridesti al più presto dal suo torpore spirituale e si liberi dalle fosche nebbie in cui secoli di false ideologie, filosofie e dottrine l'hanno precipitata. Prima che sia troppo tardi, prima che il Signore per correggere i "mali estremi" del nostro tempo si trovi costretto a ricorrere a "rimedi estremi".

 

Negli ultimi mille anni ci sono state, in tutte le parti del mondo, tantissime apparizioni della Madonna e di Gesù Cristo, ma è soprattutto negli ultimi cinquanta anni che il loro numero ha avuto un incremento senza precedenti.

Alcuni esperti affermano che ci sono attualmente 1700 siti in tutto il mondo dove hanno luogo apparizioni, visioni, locuzioni, statue che lacrimano o sanguinano.

Da un'analisi d'insieme delle rivelazioni private emerge in tutta la sua urgenza un messaggio centrale: l’umanità non può seguitare impunemente sulla strada del peccato e della lontananza da Dio continuando ad ignorare o disprezzare i Suoi Comandamenti.

 

Gesù e la Madonna nei loro messaggi esortano gli uomini: alla conversione; alla partecipazione quotidiana - o comunque frequente - alla Santa Messa; ad una pratica frequente dei Sacramenti della Penitenza e dell’Eucaristia; alla preghiera (del cuore); a pregare ogni giorno il Santo Rosario (la Madonna in molte apparizioni ha raccomandato di recitare ogni giorno tutte le corone del Rosario con i venti Misteri: Gaudiosi, della Luce, Dolorosi e Gloriosi); al digiuno a pane e acqua (ogni settimana, il mercoledì e il venerdì); alla lettura quotidiana della Bibbia; alla devozione ai Cuori di Gesù e Maria; all'offerta di sacrifici come riparazione per i peccati del mondo; all'accettazione delle sofferenze e delle prove e alla sopportazione con pazienza e con amore dei torti subiti (in sintesi, ad abbracciare la nostra croce); a farsi apostoli dell'amore e della pace.

 

Se l’umanità non si dimostrerà capace di cambiare al più presto, probabilmente in un futuro non lontano il Signore dovrà intervenire nella maniera più radicale e dolorosa per noi tutti.

Il messaggio positivo di queste rivelazioni è che le purificazioni e le tribolazioni serviranno a preparare il mondo in vista di una "meravigliosa Era di Pace" che sarebbe ormai alle porte. …

 

Alcune delle rivelazioni private prese in esame, dopo anni di approfondite indagini, hanno ricevuto l’approvazione ufficiale della Chiesa Cattolica. Altre sono state approvate per il momento solo dai vescovi locali e sono ancora al vaglio della Congregazione per la Dottrina della Fede. Anche le profezie antiche riportate nella sezione hanno quasi tutte un qualche tipo di approvazione ecclesiastica. Sono state scelte dopo un lungo lavoro di ricerca e di confronto effettuato su varie fonti.